ABOUT FENOGLIO - LA GUERRA PRIVATA DEL PARTIGIANO BEPPE

 

 

SABATO 3 SETTEMBRE
ORE 17

FORTE POZZACCHIO
ABOUT FENOGLIO 

LA GUERRA PRIVATA DEL PARTIGIANO BEPPE

Un viaggio nella letteratura, nella resistenza, nell'ossessione amorosa e altro ancora. A tu per tu con uno dei grandi capolavori della letteratura italiana del secondo Novecento, Una questione privata di Beppe Fenoglio, in una lezione spettacolo di Davide Longo, scrittore e docente alla Scuola Holden che sin dalla sua nascita si è imposta come punto di riferimento per chi vuole avvicinarsi alla narrazione nelle sue varie forme.

È il giugno 1964 e Italo Calvino scrive la prefazione alla riedizione del suo romanzo Il sentiero dei nidi di ragno. Quelle pagine ad apertura del testo inserito nella collana de “I nuovi coralli” sono l'occasione per fare il punto su se stesso ma anche e soprattutto sul neorealismo e sulla narrativa italiana uscita dalla  Seconda guerra mondiale e dalla resistenza. È lì che Calvino stila l'elogio di un'opera come “Una questione privata” di Beppe Fenoglio. 

In un mondo letterario che si era accontentata e scavata una “nicchia più o meno comoda” “ci fu chi continuò sulla via della prima frammentaria epopea: in genere furono i più isolati, i meno 'inseriti' a conservare questa forza. E fu il più solitario di tutti che riuscì a fare il romanzo che tutti avevamo sognato, quando nessuno più se l'aspettava, Beppe Fenoglio, e arrivò a scriverlo e nemmeno a finirlo (Una questione privata), e morì prima di vederlo pubblicato, nel pieno dei quarant'anni”. 

Perché, come scrisse Calvino, fu proprio Fenoglio, appartato, provinciale, a scrivere quel romanzo in grado di raccontare la Resistenza che “tutta una generazione” avrebbe voluto e aveva cercato di scrivere? La risposta non è una sola e nella sua lezione spettacolo Davide Longo cercherà di esplorarle tutte, entrando nel laboratorio di uno dei romanzi italiani più straordinari e meno conosciuti.

 

 

 

 

Letto 788 volte